LeiWebLeiWeb
Aggiornato il: 07/06/2012 11:55 | di www.leiweb.it

Scambio casa, ma senza rischi

Vacanze gratis a Parigi o a NY, senza spendere un patrimonio in hotel? Il proprio monolocale può valere come una villa con piscina. Ma occhio alle fregature


Scambio casa, ma senza rischi

L’estate si avvicina e il portafoglio piange. Le vacanze però sono sacre e nessuno riesce a rinunciarvi. Così si va a caccia di quelle low-cost. Una strategia salva-soldi è lo scambio casa: ogni giorno in giro per il mondo famiglie e turisti fai-da-te si prestano le loro "quattro mura", a volte anche la macchina e i più fortunati perfino lo yacht.

E non per forza villa in cambio di villa, appartamento per appartamento. L’importante è il posto. Un loft a Manhattan per una casetta al mare a Latina, a metà tra Roma e Napoli? Si può fare.

Di 41mila case esposte nella vetrina mondiale di Homeexchange, sito apripista, la metà si trova in Europa. In testa la Francia con 7000 dimore, la Spagna 2100. Che casa sei?
Rilassata o stressata, cittadina o campagnola...Fai il test!
E l’Italia? Nonostante tutte le meraviglie naturali e artistiche che fanno gola agli stranieri, ci sono poco più di 1800 alloggi in offerta. Lo scambio casa non sembra essere decollato più di tanto da noi.

C'è chi l'ha sperimentato e chi è restio a violare l'intimità domestica altrui: dormi in un letto che non è il tuo, usi un bagno pieno di roba che non ti appartiene, ti muovi in una casa che ha il respiro di vite sconosciute. Insomma, non è un anonimo albergo. Forse siamo un po’ viziati e difficili da accontentare. Una cosa comunque è certa: occhio alle fregature.

Scopri come evitarle.

1. Attenzione a scegliere una prima casa. Nonostante il galateo dica di fare spazio agli ospiti, gli armadi tendono a debordare. Ti può capitare di dover appendere i vestiti accanto a quelli della padrona di casa e vedere spuntare da sotto il letto gli stivali invernali. La seconda casa tende a essere, per definizione, più sgombra e anonima.

2. Se non avete problemi di tempo, meglio fare scambi non-simultanei (per qualsiasi evenienza).

3. Se non amate troppo i bambini evitate una casa con bimbi, i loro giocattoli saranno dappertutto.

4. Se pensate di passare le ferie a fare il barbecue, chiedete prima quanto sia grande il giardino e anche se vi sia il barbecue (sperando che non sia la solita brace-secchiello).

5. Scambio macchina. Assicuratevi sul tipo di cambio (manuale o automatico) e da che parte della strada si guida: sono informazioni banali ma scoprirle all’arrivo non è piacevole. Meglio se il cambio è uguale al vostro, eviterete problematiche. Informatevi anche sull’assicurazione.

6. Distanze dal centro città. Controllate sempre su Google Maps l’esatta posizione della casa. Occhio alla parola “centrale”. Un conto sono “15 minuti a piedi dal centro” quando stai a Roma o Parigi, dove il centro città ha un raggio di una certa dimensione. Altra cosa è trovarsi in una piccola città come Dublino, dove significa stare in periferia, nei sobborghi degli ex alloggi popolari. Idem per il mare: “200 metri” dal mare sono in realtà 800, che costringono a prendere la macchina per portare l’ombrellone e le sdraio. Con le foto satellitari si può capire se il percorso per la spiaggia è tagliato da una strada, o peggio ancora, da una ferrovia.

Scopri anche come far diventare la tua casa una location da film

0Commento